AIM SU DECRETO APPROPRIATEZZA E TESORETTO SANITA’

POSITIVA LA CONVERGENZA SU UNA REVISIONE DEL DECRETO, MA IL TEMA DELL’APPROPRIATEZZA SIA FARO DELLA PROFESSIONE, SENZA RIFUGIARSI IN ALIBI E SENZA STRUMENTALIZZAZIONI DEL BISOGNO DI SALUTE DEI CITTADINI. SULLA POLEMICA RELATIVA ALLA CONVOCAZIONE DEI SINDACATI PER IL TRAMITE DELLA FNOMCEO AL TAVOLO SULL’APPROPRIATEZZA: RAPPRESENTANZA DELLA PROFESSIONE TROPPO FRASTAGLIATA E CONFUSIONE DI RUOLI E LIVELLI TRA FNOMCEO E SINDACATI CREATA IN PRIMIS DAI MEDICI. OCCORRE UNA SERIA RIFLESSIONE.

LA DISPONIBILITà DEL TESORETTO DAL 2017 RAPPRESENTA UNA BUONA NOTIZIA IN PROSPETTIVA, PURCHè PARTE DELLE RISORSE VENGANO PRIORITARIAMENTE UTILIZZATE PER LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEL SSN, A PARTIRE DAL RICAMBIO GENERAZIONALE E DAL SUPERAMENTO DEL PRECARIATO. MA NON BASTA: INFATTI, NEL 2016 SCADRà LA PROROGA DELLE GRADUATORIE CONCORSUALI ED IN MOLTE REGIONI IMPERVERSANO ANCORA I PIANI DI RIENTRO CON TETTI DI SPESA MOLTO BASSI. PERTANTO, OCCORRONO DA SUBITO SCELTE CORAGGIOSE, STRUTTURALI E DI SISTEMA, OVVERO NEL SENSO DI MIGLIORARE AD OGNI LIVELLO L’APPROPRIATEZZA DELLE PRESTAZIONI, SUPERARE GLI SPRECHI E LE CATTIVE GESTIONI, VALORIZZARE IL MERITO, LE COMPETENZE E LA PRODUTTIVITà, E NON LA MERA ANZIANITà DI SERVIZIO, AI FINI DELLA PROGRESSIONE DI CARRIERA. OPPORTUNO ANCHE RIPENSARE IL RAPPORTO DI CONVENZIONAMENTO DEI MEDICI, CHE, COSì COME STRUTTURATO, SFUGGE AD OGNI LOGICA DI GOVERNANCE E NON RIESCE AD ESPRIMERE IL POTENZIALE NECESSARIO A SODDISFARE IL BISOGNO DI SALUTE ESPRESSO DAL TERRITORIO. PRONTI A FARE LA NOSTRA PARTE ED AVVIARE UNA STAGIONE DI PROPOSTE CONCRETE, MA ESIGIAMO SEGNALI ALTRETTANTO CONCRETI E NON PROMESSE CHE RIMANDANO AD IMPEGNI PROSSIMI A SCADENZE ELETTORALI.

L’Associazione Italiana Medici (AIM) esprime soddisfazione per la ritrovata convergenza tra le parti in causa ai fini di una necessaria revisione del Decreto sull’appropriatezza, ma auspica che <<il tema dell’appropriatezza sia uno dei fari della Professione medica, senza più rifugiarsi in alibi e, soprattutto, evitando di strumentalizzare il bisogno di salute dei cittadini.>> Inoltre, nel merito della polemica relativa alla convocazione dei sindacati per il tramite della FNOMCeO al tavolo sull’appropriatezza, l’AIM ha le idee chiare: <<La rappresentanza della Professione è troppo frastagliata e vi una confusione di ruoli e livelli tra FNOMCeO ed Organizzazioni Sindacali che è ingenerata in primis dai medici. Basti guardare al lancio ed alla gestione delle recenti mobilitazioni della categoria.>> – afferma l’AIM – <<Occorre una seria riflessione al fine di semplificare e ripensare il sistema della rappresentanza professionale, favorendo la partecipazione ai processi decisionali della “maggioranza silente”, ma operosa, dei medici.>>

L’Associazione Italiana Medici (AIM) guarda con interesse all’annuncio della disponibilità di un possibile tesoretto di 1,5 miliardi di euro da reinvestire nella sanità, fatto dal Ministro della Sanità nel corso della trasmissione Ballarò in risposta alle sollecitazioni del Dott. Gianluca Albanese, medico ospedaliero precario iscritto all’AIM. Certamente, l’annuncio del Ministro rappresenta una buona notizia in prospettiva, <<purchè parte delle risorse vengano prioritariamente destinate alla valorizzazione delle risorse umane del SSN, in particolare per sostenere il ricambio generazionale e per superare il precariato storico.>> – dichiara l’Associazione Italiana Medici (AIM) – <<Ma l’annunciato del tesoretto, anche laddove le previsioni venissero confermate, potrebbe essere disponibile soltanto a partire dal 2017. Non si risolverebbe, pertanto, il problema della scadenza entro il 31 dicembre 2016 della proroga concessa a tutte le graduatorie concorsuali esistenti per effetto della D’Alia – continua l’AIM – <<Per di più, in molte Regioni imperversano ancora i piani di rientro con tetti di spesa per il personale che non consentono, a fronte degli annunci roboanti fatti da alcuni Assessori, di garantire interventi sostanziali sul fronte delle assunzioni>>.

Su questi presupposti l’AIM rilancia la posta in gioco e sfida il Governo e le Regioni: <<Chiediamo da subito scelte coraggiose, strutturali e di sistema, ovvero nel senso di migliorare ad ogni livello l’appropriatezza delle prestazioni, di superare gli sprechi e le cattive gestioni, di valorizzare il merito, le competenze e la produttività, e non più la mera anzianità di servizio, ai fini della progressione di carriera.>> – incalza l’AIM – <<Chiediamo condizioni organizzative migliori per lavorare nel servizio sanitario nazionale, senza doverci trovare costretti ad inseguire le lancette dell’orologio, la qualcosa sarebbe la negazione della mission del medico>>.

Per l’AIM è anche opportuno ripensare il rapporto di convenzionamento dei medici col SSN, che, così come strutturato, sfugge ad ogni logica di governance e non riesce ad esprimere il potenziale necessario a soddisfare il bisogno di salute espresso dal territorio.

<<Siamo pronti a confrontarci sui dati e sulle evidenze, nonché a fare la nostra parte ed avviare una stagione di proposte concrete, ma esigiamo segnali altrettanto concreti, ad esempio utili sarebbero delle deroghe ai tetti di spesa sul personale imposti alle Regioni in piano di rientro a fronte dei risparmi derivanti dall’applicazione del decreto sull’appropriatezza. Inoltre, sarebbe anche opportuno utilizzare gli indicatori esistenti, e svilupparne di nuovi, per analizzare il reale stato dei diversi comparti sanitari, in modo da abbandonare le logiche basate sugli interessi di parte o su dubbie evidenze. Occorre coraggio e responsabilità per guidare il cambiamento, ma alle parole devono conseguire i fatti. Diversamente, saremmo di fronte alle solite promesse che rimandano ad impegni da conseguire in prossimità di scadenze elettorali.>> – conclude l’AIM.

In memoria di Luana Ricca: lettera aperta al Ministro della Salute

Pubblichiamo la lettera aperta indirizzata al Ministro della Salute dal fratello della collega Luana Ricca, valente chirurga Italiana scomparsa prematuramente in circostanze tragiche. L’Associazione Italiana Medici (AIM) è vicina ai familiari di Luana e sostiene il loro impegno di testimonianza in memoria dell’esempio incarnato da Luana Ricca in vita, sia come Medico e professionista, sia come voce critica impegnata nel dibattito a sostegno della necessità di innovare il sistema al fine di valorizzare il ruolo del medico sia durante il percorso formativo, che per definizione non si conclude mai, sia nell’arco della carriera e dell’esercizio della Professione.

  La Presidenza Nazionale

 

CLICCA QUI PER LEGGERE LA LETTERA:

Lettera di Francesco Ricca al ministro Lorenzin

 

 

 

AIM: “LAVORARE TUTTI PER LAVORARE MEGLIO!”

L’Associazione Italiana Medici (AIM) ha partecipato alla trasmissione televisiva Ballarò di Rai3 del 09/02/16 con Gianluca Albanese, amministratore dell’AIM, che si è confrontato con il Ministro della Saluta Beatrice Lorenzin in merito alle tematiche del monte ore, della precarietà e del blocco del turnover del personale medico e sanitario.

Si è affrontato il delicato e complesso problema del precariato dei medici italiani, sottolineando anche la carenza di organico in cui versa il Sistema Sanitario Nazionale: “Lavorare tutti per lavorare meglio!” – ha affermato con decisione – “non è possibile garantire adeguate cure e qualità delle prestazioni se non si affrontano i problemi strutturali alla base; il nostro è un precariato atipico che potrebbe essere superato ristrutturando il SSN”.

Schermata 2016-02-09 alle 20.54.49

In foto Gianluca Albanese dell’Associazione Italiana Medici (AIM) durante il suo intervento alla puntata di giorno 9 febbraio 2016  “Ballarò”

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO